Auricolari Bluetooth Jaybird X4, la nostra recensione

su
Gnius
immagine al post Auricolari Bluetooth Jaybird X4, la nostra recensione

Partiamo velocemente perché ci sono tante cose da scrivere.
Gli auricolari bluetooth Jaybird X4 sono auricolari senza fili rugged pensati per chi fa sport, ma non solo le corsette al parco, lo sport serio come lo sci di fondo, le maratone, percorsi di trekking e via dicendo, e per chi lavora in ambienti pieni di polvere e sporcizia.

auricolari bluetooth jaybird x4

Auricolari Bluetooth Jaybird X4, le prime impressioni

Gli auricolari Jaybird X4 sono leggeri e grazie ai vari gommini a disposizione si indossano alla perfezione senza cadere e dare fastidio.
I comandi sul cavo sono comodi e nonostante penzoli sotto l’orecchio non da fastidio nei movimenti, e se dovesse farlo il gancetto sotto permette di regolarlo in modo che non dia fastidio.

Un po’ scomoda la piastrina per la carica, che va inserita con attenzione prima di attaccare il cavetto al caricabatteria, ma ne parleremo più avanti.

Gli auricolari Jaybird X4 sono classificati IPX7, quindi resistono ad acqua, polvere, neve e possono essere immersi fino a 1 metro per un massimo di 30 minuti, ma fossi in voi non proverei a vedere se resistono a 30 minuti e 1 secondo.
Tra gli auricolari in commercio sono tra quelli di classe più alta.

Qualità del suono

La qualità del suono è molto alta, e Jaybird ha anche una app per impostare le preferenze del suono.
Ci sono dei setup già configurati con equalizzazioni impostate per ogni genere musicale che possono essere personalizzate, oppure si possono creare le proprie equalizzazioni.
Questo fa si che nonostante siano auricolari bluetooth rugged la resa sonora è di qualità molto alta, soprattutto rispetto al prezzo.

I pulsanti sul comando permettono di rispondere alle telefonate (ovviamente), cambiare canzoni e richiamare l’assistente vocale, sia Siri che Google Assistant.

Durata della batteria

Questi auricolari bluetooth Jaybird X4 sono leggeri e molto piccoli, quindi ci si aspetterebbe solo qualche ora di autonomia.
Invece non è così.
La durata delle batterie è di circa 8 ore, a patto di mantenere un volume accettabile.
A volume alto si riduce l’autonomia di circa un’ora e mezza.
La parte scomoda è il cavetto proprietario per la ricarica, che ci obbliga a portarcelo sempre appresso.
Per ricaricare senza correre rischi è meglio prima collegare il cavetto agli auricolari e solo dopo collegarlo al caricabatteria.

Spread the love
Leggi Anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi