Amazon pixel

Calibrazione per la Batteria del Komu K3

su
Gnius
immagine al post Calibrazione per la Batteria del Komu K3

komu-k3-calibrazioneSono caratteristiche interessanti quelle del Komu K3, smartphone Dual SIM Dual Standby basato sul sistema operativo Android e realizzato con una moderna scocca monoblocco.

Uno smartphone di media fascia con display a 4,7 pollici con risoluzione 450 x 960 punti, fotocamera da 8 megapixel, memoria espandibile, lettore mo3, vivavoce integrato e connettività bluetooth e Wi-Fi.

Conveniente è il prezzo di questo smartphone Dual Sim proposto in fase di lancio a meno di 200 euro.

La sua batteria, agli ioni di litio, ha una capacità di 1800 mAh, tale da garantire affidabilità e lunga durata allo smartphone.

Ma come calibrarla?

Nel caso in cui si noti una improvvisa riduzione dell’autonomia dello smartphone o strani comportamenti dell’indicatore di carica sul telefono, è bene provare la procedura di calibrazione, resettando di fatto la modalità con la quale il sistema Android gestisce la batteria e risolvere il problema di autonomia ridotta.

Dopo aver completamente scaricato lo smartphone, bisogna mettere in carica il telefonino e lasciarlo per due ore in più collegato all’alimentazione, dopo il completo caricamento della batteria.

A quel punto è necessario rimuovere, per un quarto d’ora, la batteria del Komu K3 dall’alloggiamento per poi reinserirla nel suo alloggiamento; a questo punto è necessario mettere il telefono nuovamente in carica, aspettando una decina di minuti per poi accendere finalmente lo smartphone e, una volta completata l’accensione staccarlo dal caricabatteria.

Quella della calibrazione della batteria è una procedura semplice da attuare ma della quale è bene non abusare: è importante eseguirla solamente in caso di effettiva necessità, quando cioè si notano comportamenti anomali della batteria, che tende a scaricarsi più rapidamente del previsto e tenendo a mente che con il passare del tempo, le batterie agli ioni di litio tendono a ridurre le proprie prestazioni e dunque la propria autonomia.

Spread the love
Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi